La scuola al tempo dei social network: gli animatori digitali

Evento di presentazione della rete degli Animatori Digitali

Il 18 febbraio 2016 dalle h. 14.30 alle h. 17.30 presso l’Auditorium ITI Majorana di Grugliasco, si terrà l’evento di presentazione degli Animatori Digitali in concomitanza con il primo seminario di formazione sul tema della cittadinanza digitale. edudig

Tra i relatori saranno presenti anche l’Avv. Mauro Alovisio, presidente del Centro Studi di Informatica Giuridica di Ivrea-Torino, che interverrà sul tema del cyberbullismo, e la dott.ssa  Eleonora Pantò, che interverrà sul tema della formazione online.

Il programma dell’evento è disponibile a questo link

 

Il cyberbullismo nell’era della social media education

Strumenti per comprendere e contrastare il fenomeno del cyberbullismo

Il Ce.Se.Di. Centro Servizi Didattici della Città Metropolitana di Torino propone alle scuole e alle istituzioni formative un ciclo di 3 incontri seminariali, a cura del Centro Studi di Informatica Giuridica di Ivrea-Torino, rivolto a docenti, formatori ed educatori, finalizzato a illustrare le caratteristiche del cyberbullismo e le responsabilità degli operatori nei diversi contesti.
Obiettivo specifico della proposta è fornire ai partecipanti gli strumenti per comprendere e affrontare i casi di cyberbullismo in ambito scolastico/educativo e per relazionarsi al riguardo con le famiglie e gli allievi.

helpIl ciclo di incontri si terrà nei giorni:

Mercoledì 3 febbraio 2016 h.15-18 Cyberbullismo e social media
Avv. Mauro Alovisio, Dott.ssa Eleonora Pantò.

Mercoledì 17 febbraio 2016 h.15-18 Identità e aggressività on line, guida all’utilizzo consapevole di Internet, di social media e app
Dott. Alberto Rossetti,  Ing. Marco Baldassari.

Mercoledì 24 febbraio 2016 h.15-18 Bullismo e cyberbullismo, responsabilità civili e penali
Avv. Monica Alessia Senor, Avv. Maria Grazia D’Amico.

I dettagli del programma e le modalità di iscrizione sono disponibili a questo link

Csig Ivrea-Torino partecipa all’Ada Lovelace Day

Web
Torino festeggia l’eccellenza femminile nell’Ada Lovelace Day

All’interno di Finding Ada Italia si segnala che il 17 otttobre 2015  dalle 14:30 alle 17:30 si terrà in Corso Verona, 15/C a Torino l’attività di CoderDojo Torino che, per ragazzi dai 7 ai 14 anni, propone attività legate al coding, durante le quali bambini e ragazzi, imparano ad usare un programma chiamato Scratch che consentirà loro di creare i primi programmi e videogiochi.

In parallelo ci sarà un’attività di robotica per i più piccoli, dai 5 ai 10 anni gestita tramite la creazione di piccoli gruppetti e della durata di 30 minuti circa. I bambini potranno costruire dei robot e, con un piccolo contributo che va a coprire le spese per i materiali, portarli a casa.

Per i genitori, invece, si è pensato di proporre attività in collaborazione con LibreItalia e con CSIG Ivrea-Torino su opendocument e cyberbullismo.

Parteciperanno come relatrici e relatori:

Eleonora Pantò (CSP)
Emma Pietrafesa (Libre Italia)
Mauro Alovisio (CSIG)
Marco Baldassarri (CSIG)

Approvato in Senato il disegno di legge in materia di cyberbullismo

Il Senato ha approvato il Ddl 1261 in materia di cyberbullismo

Come anticipato nei seminari e convegni della nostra associazione, prosegue spedito il cammino del disegno di legge  Ddl 1261 “Disposizioni a tutela dei minori per la prevenzione e il contrasto del fenomeno del cyberbullismo”  che è stato approvato in data 20 maggio 2015 dal Senato. Ora il provvedimento passa all’esame della Camera.

La senatrice piemontese prof.ssa Elena Ferrara (Pd), prima firmataria del Ddl, nella dichiarazione di voto al Senato  ha rappresentato la complessità di tale fenomeno che interseca tanti saperi: psicologia evolutiva e psichiatria, sociologia, scienze dell’educazione e della comunicazione, filosofia e ovviamente il diritto.  Il cyberbullismo di per sé non è un reato, ma le azioni che lo caratterizzano possono essere penalmente perseguibili, quali ad esempio  minacce, diffamazione, furto d’identità.  Emerge la mancanza di adeguata formazione, prevenzione e misure concrete. La presente legge si pone l’obiettivo di contrastare il fenomeno del  cyberbullismo in tutte le sue manifestazioni, con azioni a carattere preventivo e con una strategia di attenzione e tutela ai minori coinvolti, sia nella posizione di vittime sia in quella di responsabili di illeciti.
Il fenomeno pone la questione giuridica su un piano rieducativo, coerente con le procedure attivate dai servizi di giustizia minorile, in linea con i principi ribaditi dal Garante per l’Infanzia. bully

Un intervento strutturato ed esteso a tutto il territorio nazionale è stato individuato dalle Linee di orientamento per azioni di prevenzione e di contrasto al bullismo e al cyberbullismo, presentato dal Ministro dell’istruzione in aprile e per  il quale sono previste opportune risorse.  Emerge chiaramente la necessità di sostenere la formazione del personale scolastico. Le indagini e le esperienze educative condotte in questi anni in Italia e in Europa hanno evidenziato questa esigenza ed offerto una pluralità di modelli di intervento (per esempio attività di peer education).

Il Centro Studi di Informatica Giuridica di Ivrea-Torino, attivo anche sulla tematica del cyberbullismo, ha inviato nel mese scorso  un sintetico contributo per la disamina del testo del disegno di legge, con alcuni rilievi ed osservazioni migliorative.

Cosa si intende per cyberbullismo?

“Per «cyber-bullismo» si intende qualunque forma di pressione, aggressione, molestia, ricatto, ingiuria, denigrazione, diffamazione, furto d’identità, alterazione, acquisizione illecita, manipolazione, trattamento illecito di dati personali in danno di minorenni, realizzata per via telematica, nonché la diffusione di contenuti on line aventi ad oggetto anche uno o più componenti della famiglia del minore, il cui scopo intenzionale e predominante sia quello di isolare un minore o un gruppo di minori ponendo in atto un  serio abuso, un attacco dannoso, o la loro messa in ridicolo.”

Principali  novità contenute nell’articolato:
–    Rafforzamento del ruolo dell’educazione nelle scuole e della formazione;
–    Potenziamento del ruolo della polizia postale;
–    Ammonimento verbale del questore ai minori ultraquattordicenni, responsabili di atti di cyberbullismo,  al fine di renderli consapevoli del disvalore e del carattere lesivo dei propri gesti, per evitare che siano sottoposti a un processo penale;
–    I minori ultraquattordinenni , oltre ai genitori o ai soggetti  esercenti la responsabilità del minore, potranno richiedere al titolare del trattamento dei dati o al gestore del sito l’oscuramento, la rimozione o il blocco  del materiale lesivo;
–   In caso di mancato accoglimento della richiesta entro le  12 ore successive al ricevimento dell’istanza, e in ogni caso se entro 48 ore non si sarà provveduto all’oscuramento, rimozione o al blocco del  materiale lesivo , l’interessato potrà rivolgersi al Garante della Privacy, che interverrà entro le successive 48 ore.

Testo del Ddl 1261 approvato al Senato il 20 maggio 2015

Ciclo di seminari sul cyberbullismo

Ciclo di seminari organizzato dal CeSeDi in collaborazione con Csig Ivrea-Torino

Nel mese di marzo, presso la sede del CeSeDi (Centro Servizi Didattici), in Via Gaudenzio Ferrari 1 a Torino, si svolgerà un corso di formazione docenti dal titolo:

“Cyberbullismo nell’era della social media education”

seminaricyberbullismo

Programma degli incontri:

  • Mercoledì   4 marzo 2015 ore 15.00 – 18.00  – Identità, dati e cyberbullismo nei nativi digitali
  • Mercoledì 11 marzo 2015 ore 15.00 – 18.00 – Social media education e cyberbullismo
  • Mercoledì 18 marzo 2015 ore 15.00 – 18.00 – Responsabilità dei ragazzi, dei genitori e dei docenti nel cyberbullismo

Per il programma dettagliato degli incontri e per i nominativi dei relatori consultare il seguente link

Convegno sul cyberbullismo Non bull-arti di me

Arte e attività educative contro il cyberbullismo

Il 10 dicembre 2014 al Centro Studi Sereno Regis, in via Garibaldi 3 a Torino, si terrà il convegno sul cyberbullismo “Non bull-arti di me”.

Tra i relatori ci sarà anche il Presidente del Centro Studi di Informatica Giuridica di Ivrea-Torino, avv. Mauro Alovisio, che condurrà il laboratorio dal titolo “Bullismo e cyberbullismo nella rete: strumenti giuridici e il tentativo del codice di autoregolamentazione

Un pomeriggio dedicato alla formazione, allo scambio di buone prassi e al confronto con esperti sul tema del cyberbullismo. Il convegno verrà condotto con la metodologia dell’apprendimento cooperativo (cooperative learning) permettendo ai partecipanti di approfondire, riflettere e confrontarsi in gruppo sui temi proposti dagli esperti.

nonbullartidime

Ciclo di laboratori:

Simona Tirocchi, “Il cyberbullismo nell’era dei social media. Quale Media Education per la prevenzione”?

Valter Bouquié, “L’aggressività digitale: le nuove dinamiche del conflitto; l’esperienza del Protocollo con il Tribunale dei Minori”

Alberto Rossetti, “Cyberbullismo: l’identità è in gioco”

Michele Ferraud, “what’s up online? chi sono e cosa fanno i ragazzi online”

Mauro Alovisio, “Bullismo e cyberbullismo nella rete: strumenti giuridici e il tentativo del codice di autoregolamentazione”

Durante il convegno verranno esposte le opere realizzate dagli Istituti superiori partner del progetto.

Link al video del convegno