La cybersicurezza nella vita quotidiana delle imprese, pubbliche amministrazioni e cittadini: Scenari, sfide e strumenti

Martedì 31 maggio 2022 dalle ore 15 alle ore 17 , la nostra Associazione CSIG Ivrea Torino, partecipa al seminario “La cybersicurezza nella vita quotidiana delle imprese, pubbliche amministrazioni e cittadini: Scenari, sfide e strumenti”,  organizzato  dalla Camera Civile di Ivrea “Elena Vassallo”, presso l’ Aula Magna del Liceo “A. Gramsci” – Via Alberton 10/A – Ivrea.

Saranno presenti rappresentanti istituzionali ed esperti.

Modera:

Avv. Guido Cellerino, avvocato del Foro di Ivrea e socio della CCI “Elena Vassallo”

Intervengono:

Andrea Lazzari, Presidente della CCI “Elena Vassallo”

Alessandra Bazzaro, Presidente della Camera Penale d’Ivrea

Cristina Ghirindello, Vice Presidente Confindustria Canavese e direttrice del Cisac Piemonte

Mauro Alovisio, Presidente CSIG Ivrea Torino, referente Assodata Torino

Isabella Corradini, Presidente Centro Ricerche Themis

Massimo Davi, CSIG Ivrea Torino

Maria Elena Iafolla, CSIG Ivrea Torino

Gabriella Molinelli, CSIG Ivrea Torino

Salvatore Maugeri, CSIG IVREA Torino

Chiara Rosucci, avvocato del Foro di Ivrea e Segretario della CCI “Elena Vassallo”

Verranno affrontate le seguenti problematiche:

  • Quali azioni adottare per prevenire gli attacchi informatici, i ransomware e i furti di identità?
  • Quali strumenti come imprenditori e professionisti?
  • Qual è il ruolo del fattore umano e della formazione nella cybersecurity?
  • Quali polizze scegliere per il rischio cyber?
  • Quali regole in materia di raccolta e conservazione delle prove digitali a tutela delle imprese?
  • Quali azioni per contrastare il revenge porn e il cyberbullismo?

Durante la tavola rotonda sarà  presentato il volume “Cybersecurity, digital forensics e data protection” (a cura di Isabella Corradini e Fabio Di Resta – Edizione Themis – con i contributi di Mauro Alovisio, Nanni Bassetti, Massimo Davi, Giovanni Grassucci e Silvano Sacchi)

Iscrizioni mediante il seguente link

https://forms.gle/oBwUMcbs9bBhigot9

Evento in corso di accreditamento da parte dell’Unione Nazionale delle Camere Civili.

L’evento è in partnership con Assodata, AssoRTD e il Centro Ricerche Themis

Per informazioni:

info@cameracivileivrea.it

info@csigivreatorino.it

In allegato la locandina dell’evento

Identità digitale e sicurezza della rete La cybersicurezza nella vita quotidiana delle imprese, pubbliche amministrazioni e cittadini Scenari, sfide e strumenti-4

L’insegnamento “tornerà come prima”? Riflessioni a seguito di un incontro “in presenza” trasformato in “modalità ibrida”

In occasione della quarta edizione del “Corso di perfezionamento in diritto della protezione dei dati personali per la formazione del data protection officer (DPO) profili applicatividell’Università degli studi di Torino, pubblichiamo un articolo del nostro Socio CSIG Giulio Ellese, che ci rimanda alcune riflessioni relativamente al ritorno alla Didattica in presenza.

L’insegnamento “tornerà come prima”?  Riflessioni a seguito di un incontro “in presenza” trasformato in “modalità ibrida”

di Giulio Ellese

Lo scorso 21 aprile si è tenuta presso l’Aula Manga del Campus Luigi Einaudi – sede delle Facoltà di Giurisprudenza e Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Torino – la tavola rotonda “La protezione dei dati personali e la transizione digitale: le sfide attuali e future”. Durante la conferenza, è stata inoltre presentata la IV edizione del “Corso di perfezionamento in diritto della protezione dei dati personali per la formazione del Data Protection Officer”.

In occasione dell’incontro, trasmesso anche presso la rete d’ateneo Unito Media, è intervenuto il Professor Francesco Pizzetti, Presidente Emerito dell’Autorità Italiana Garante per la Privacy.

Durante il suo intervento, sono state fatte numerose riflessioni sul cambio di paradigma che è in atto non solo nella nostra società, ma anche in quella Europea.

Il Garante emerito ha fatto presente come molti dei nostri aspetti della vita quotidiana «non torneranno più come prima», prendendo come esempio le modalità dell’insegnamento stesso.

La conferenza, concepita per essere esclusivamente “in presenza”, è stata resa disponibile anche in streaming a seguito delle richieste avanzate da alcuni studenti.

Per quanto la didattica in presenza sia ripartita, «c’è un evidente e crescente richiesta degli studenti a stare dematerializzati e seguire a distanza.» ha affermato il docente. Per tale motivo, si rende necessario chiamare il tecnico per aprire una connessione internet.

A giudizio di chi scrive, fondamentale è la riflessione fatta dal Professor Pizzetti a proposito della così detta DAD.

«La Didattica a Distanza inevitabilmente richiede e richiederà tecniche nuove per trasmettere le nozioni. Una cosa è finirci per pandemia, un altro è il rischio evidente che si affermi. E le Università tradizionali subiranno la concorrenza delle università online. Il cambiamento è in corso e in atto. È inevitabilmente crescente, perché niente tornerà come prima e niente sarà come oggi».

Da studente che si è laureato in pieno lockdown, e che nel “post emergenza” si è ritrovato a fruire della DAD, sia in qualità di studente, che di docente – all’interno di un progetto di alternanza scuola lavoro con un liceo – non posso che essere d’accordo con tali affermazioni, in quanto gestire una videoconferenza per spiegare dei concetti giuridici e delle prassi richiede conoscenze informatiche e relazionali “diverse” rispetto a quelle di una lezione tradizionale.

Parlare di fronte a una telecamera e osservare (quando possibile)  le reazioni degli uditori, tenere alta l’attenzione di ogni singolo partecipante, gestire gli imprevisti tecnici quali cali di segnale,  mutare o attivare i  microfoni, realizzare una corretta preparazione della sala virtuale e degli inviti, la gestione della chat,  e la preparazione di materiale didattico che sia adatto ad una videoconferenza, sono solamente alcune delle capacità che l’insegnante di oggi deve (e dovrà) imparare a sviluppare.

Le lezioni a distanza, specialmente se registrate, possiedono un immenso potenziale, proprio perché grazie alle evoluzioni degli smartphones sono divenute fruibili in ogni tempo e luogo. Per assurdo, basta andare su YouTube e cercare “Corso [inserire materia]” per trovare ore di formazione gratuita. Quanto alle università online, un recente spot pubblicitario giocava proprio sul valore aggiunto di consentire la possibilità di proseguire gli studi per ambire a una posizione lavorativa migliore, continuando tuttavia il percorso già intrapreso.

Già dieci anni fa il Politecnico di Torino aveva realizzato una serie di corsi online che coprivano almeno le prime cinque materie del primo anno di ingegneria, liberamente fruibili da tutti gli studenti mediante l’accesso alla propria area riservata.

Nella vastità di quella che è “la società dei dati” e dei suoi futuri sviluppi, una cosa appare certa: così come servono dei dati e dei protocolli di lettura corretti per ricavare delle informazioni corrette, allo stesso modo servirà trovare delle vie di insegnamento più efficaci per trasmettere le conoscenze “in modalità telematica”.

E chi può dire se le attuali videolezioni “made in Zoom/Webex/Teams e chi più ne ha più ne metta” non troveranno delle evoluzioni in alcuni dei metaversi basati su realtà aumentata. Magari in uno di quelli che siano pienamente rispettosi del tentativo europeo di realizzare uno spazio «che sia sicuro e aperto a chiunque abbia voglia di entrarvi, rispettandone le regole» tramite la conformità ai regolamenti sulla protezione dei dati personali, dei dati non personali, nonché tutte le altre fonti normative europee e statali, così come la c.d. softlaw.

Nell’attesa di questo sviluppo, segnalo che il “Corso di perfezionamento in diritto della protezione dei dati personali per la formazione del Data Protection Officer” si terrà esclusivamente in presenza, e si caratterizzerà per la composizione di una classe “ristretta”, per la partecipazione di professionisti del settore e di ex alunni, e che la scadenza per le pre-adesioni terminerà alle ore 15 di martedì 26 aprile 2022.  Per maggiori informazioni si rimanda al seguente link:

https://www.giurisprudenza.unito.it/do/home.pl/View?doc=data_protection_officer.html

In allegato l’articolo scaricabile in formato pdf.

ElleseGiulio_L’insegnamento tornerà come prima

 

“Lo sguardo della videosorveglianza nelle imprese. Scenari di Intelligenza Artificiale e Digital Forensics”

All’interno dei seminari di Informatica Giuridica  dell’Università di Bologna, organizzati dalla prof.ssa Raffaella Brighi, segnaliamo il seminario
Lo sguardo della videosorveglianza nelle imprese. Scenari di Intelligenza Artificiale e Digital Forensics”
Il seminario si terrà il giorno 11 aprile 2022 dalle ore 15 alle ore 18
Fra i relatori:
  • Mauro Alovisio (Università degli Studi di Torino, Presidente CSIG-Ivrea)
  • Alessandro Del Ninno (Università degli Studi LUISS -Guido Carli e comitato scientifico Csig)
  • Michele Ferrazzano (Università di Bologna, CRID-Unimore)

A partire dal volume ” Videosorveglianza e GDPR” a cura di M. Alovisio (Giuffrè, 2021) con contributi di Alberto Culatina, Alessandro Del Ninno, Nicola Di Mare, Stefano Manzelli, Stefano Tresoldi

L’evento è organizzato in collaborazione  con i centro Studi di Informatica Giuridica di Bologna
v. locandina
Programma
Per partecipare all’incontro online clicca qui:
https://tinyurl.com/43rast7z

Blockchaintalk della Elysium School

La nostra socia CSIG Ivrea-Torino, Avv. Vittoria Diotallevi, parteciperà al Blockchain talk della Elysium School in qualità di legale, per trattare i temi della tutela dei dati personali legati alla tecnologia  blockchain e delle DLT, accennando, inoltre, all’evoluzione normativa che sta avvenendo a livello europeo nel mondo dei crypto asset.

L’evento si svolgerà attraverso il canale YouTube dell’organizzatore, accessibile liberamente, dalle ore 14.30 alle 20.30, in cui interverranno molteplici illustri relatori esperti nell’ambito delle cryptovalute, della finanza decentralizzata ed ai temi correlati.
Lo speech della nostra socia è previsto per le ore 16.45.

Un allegato un interessante articolo sul tema, dal titolo “La Blockchain ed il rapporto con il GDPR” dI Vittoria Diotallevi

LA BLOCKCHAIN ED IL RAPPORTO CON IL GDPR

Form-azione il nuovo ritmo dell’innovazione

CSIG Ivrea – Torino e Club Dirigenti di Informatica, Giovedì 3 marzo, ore 18:15 al Jazz Club di Torino, organizzano  l’evento “Form-azione il nuovo ritmo dell’innovazione”.

La formazione in ambito IT Security diventa una “mission possible”. 

Ne parliamo con Mauro Alovisio e Rudy Caltagirone del Centro Studi Informatica Giuridica, intervistati da Marta Filippini, Vice President, IT Powetrain at Tenneco Inc. e Davide Marietta Corporate CIO at DiaSorin.

Per iscriversi all’aperitivo Form-azione

Jazz Club Torino

Via S.Francesco Da Paola ang. Via Giolitti

Nexa Lunch Seminar “L’istituto del Whistleblowing negli scenari europei e nazionali: la tutela di chi segnala illeciti nelle amministrazioni e nelle imprese”

Il nostro presidente Mauro Alovisio parteciperà come relatore all’evento in diretta streaming  su Whistleblowing: una tematica di forte attualità  organizzato dal centro di Ricerca Nexa tra i relatori; Ing. Giovanni Pellerano  e Avv. Alessio Ubaldi
Per il ciclo di incontri “i Nexa Lunch Seminar” (ogni 4° mercoledì del mese) Mercoledì 23 febbraio 2022 ore 13.00 – 14.00, si terrà il 95° Nexa Lunch Seminar “L’istituto del Whistleblowing negli scenari europei e nazionali: la tutela di chi segnala illeciti nelle amministrazioni e nelle imprese”
  • Avv. Mauro Alovisio (Fellow Centro Nexa)
  • Avv. Alessio Ubaldi (Fondatore Studio UB LEGAL)
  • Ing. Giovanni Pellerano (GlobaLeaks Project Lead)

Sarà possibile partecipare online al seminario connettendosi al seguente indirizzo:
https://didattica.polito.it/VClass/NexaEvent

Live streaming: https://nexa.polito.it/nexa-hangout-on-air

URL dell’incontro: http://nexa.polito.it/lunch-95

“I whistleblower svolgono un ruolo essenziale nel portare alla luce fatti corruttivi o fondati sospetti di illeciti che possono minacciare l’interesse pubblico. In tutti i paesi che riconoscono questo istituto, le segnalazioni hanno permesso la protezione di interessi comuni fondamentali, nonché il recupero di ingenti risorse pubbliche”, Giuseppe Busia, Presidente dell’Autorità di prevenzione della corruzione (ANAC).

La Direttiva Europea 2019/1937 a tutela del whistleblowing prevede specifiche garanzie di sicurezza e di riservatezza dei segnalanti: la disciplina di protezione non riguarda solo i dipendenti, ma si estende anche ai fornitori, consulenti, tirocinanti, volontari, candidati, ex dipendenti che facciano le segnalazioni, nonché i colleghi, i parenti e i rappresentanti sindacali che si fanno tramite della segnalazione. Tutti i soggetti giuridici del settore privato con almeno 50 dipendenti dovranno istituire canali e procedure per le segnalazioni interne, in grado di garantire la riservatezza e la sicurezza del segnalante. Si osserva quindi come l’Italia risulti in ritardo nell’attuazione della direttiva in esame, con il rischio di essere sanzionata dall’UE, e mostrandosi pertanto ad un bivio nel percorso culturale verso la legalità.

L’incontro interdisciplinare proposto intende illustrare, alle luce delle recenti linee guida 469 di ANAC, i nuovi strumenti di tutela per i cittadini che segnalano illeciti, gli obblighi per le imprese e le pubbliche amministrazioni, i profili relativi alla comunicazione on line e fake news, e i profili della protezione dei dati personali, nell’ottica di un approccio integrato in tema di compliance.

Per informazioni:

95° Nexa Lunch Seminar – L’istituto del Whistleblowing negli scenari europei e nazionali: la tutela di chi segnala illeciti nelle amministrazioni e nelle imprese

 

Biografie:

Mauro ALOVISIO è avvocato presso l’Università degli Studi di Torino, dove si occupa del diritto delle nuove tecnologie e coordina il corso di perfezionamento universitario in GDPR e transizione digitale (direttore: prof. Sergio Foà e prof. Francesco Pizzetti). È inoltre professore a contratto presso Università Statale di Milano, fellow del Centro di ricerca Nexa, formatore, autore di pubblicazioni e direttore del Centro Studi di Informatica Giuridica di Ivrea Torino.

Alessio UBALDI è avvocato amministrativista, docente a contratto della Scuola Nazionale dell’Amministrazione (SNA) e componente di Organismi Indipendenti di Valutazione. Assiste inoltre primarie PP.AA., società pubbliche ed enti di diritto privato a rilevanza pubblicistica. È autore di manuali e numerosissime pubblicazioni in materia di diritto amministrativo e penale, con particolare riferimento alla contrattualistica pubblica, alla prevenzione della corruzione e alla trasparenza amministrativa.

Giovanni PELLERANO è un ingegnere informatico, imprenditore sociale, ricercatore indipendente in materia di sicurezza e privacy e attivista in ambito whistleblowing. È co-autore e responsabile del progetto GlobaLeaks, software opensource libero e gratuito che permette la realizzazione di progetti di whistleblowing digitale e anonimo ad oggi tradotto in oltre 90 lingue. Con 10 anni di esperienza sul campo, ha direttamente supportato la realizzazione di oltre 200 progetti di whistleblowing in ambito internazionale che spaziano dalla compliance aziendale, anticorruzione nel settore pubblico e difesa dei diritti umani in contesti ad alto rischio.

Letture consigliate:

  • Mauro Alovisio, Whistleblowing: Anac pubblica il nuovo regolamento per la gestione delle segnalazioni e per l’esercizio del potere sanzionatorio, il Quotidiano per la P.A.,9/2020
  • Mauro Alovisio, co-autore in Nuova trasparenza amministrativa e libertà di accesso alle informazioni (a cura di Benedetto Ponti), Maggioli 2016
  • Claudio Contessa e Alessio Ubaldi (a cura di), Manuale della prevenzione della corruzione e della trasparenza, La Tribuna, 2021
  • Paolo Pizzuti, Whistleblowing e rapporto di lavoro, Giappichelli, 2019
  • Transparency, Analisi e raccomandazioni sulla direttiva whistleblowing, 2021

Che cosa sono il Centro Nexa e i cicli di incontri “Mercoledì di Nexa” e “Nexa Lunch Seminar”:

Il Centro Nexa su Internet & Società del Politecnico di Torino (Dipartimento di Automatica e Informatica) dal 2006 è un centro di ricerca indipendente e interdisciplinare che, in collaborazione con l’Università di Torino, studia Internet (e più in generale le Tecnologie digitali) e i suoi rapporti con la società. Maggiori informazioni all’indirizzo: http://nexa.polito.it/about.

Durante i “Mercoledì di Nexa”, che si tengono ogni 2° mercoledì del mese alle ore 18 in punto, il Centro Nexa su Internet e Società apre le sue porte non solo agli esperti e a tutti coloro i quali lavorano con Internet, ma anche a semplici appassionati e cittadini. Il ciclo di incontri intende approfondire, con un linguaggio preciso ma accessibile, i temi legati alla Rete: motori di ricerca, Creative Commons, social networks, open source/software libero, neutralità della rete, libertà di espressione, privacy, file sharing, big e open data, smart cities e molto altro.

Al centro di quasi tutti gli incontri un ospite pronto a dialogare con i direttori del Centro Nexa, il Prof. Juan Carlos De Martin del Politecnico di Torino e il Prof. Marco Ricolfi dell’Università di Torino, nonché lo staff e i Fellows del Centro Nexa.

Maggiori informazioni sui Mercoledì di Nexa, incluso un elenco di tutti i “Mercoledì” passati, sono disponibili all’indirizzo: http://nexa.polito.it/mercoledi.

Si segnala inoltre che dal maggio 2012 ogni 4° mercoledì del mese dalle ore 13 alle ore 14 il Centro Nexa organizza anche i “Nexa Lunch Seminar“. Una lista di tutti i “Lunch Seminar” passati è disponibile all’indirizzo: http://nexa.polito.it/lunch-seminars.

Per restare aggiornati sulle attività del Centro Nexa su Internet & Società, seguiteci su:

– Twitter: @nexacenter
– Facebook: @nexa.center
– Linkedin: Nexa Center for Internet & Society
– Instagram: nexa_center
– Mailing list degli annunci Nexa: nexa-announce@server-nexa.polito.it

CSIG vince il “Premio Eccellenza Formazione” per un progetto sul cyberbullismo con l’Università Insubria di Varese

Siamo orgogliosi di comunicare che la nostra associazione CSIG Ivrea Torino,  dopo avere passato la selezione dei Progetti Formativi Nazionali, ha vinto il prestigioso premio  “Eccellenza dell’Associazione italiana Formatori, per il settore welfare e innovazione.
Alla premiazione, svoltasi a Torino, ha partecipato il nostro presidente Avv. Mauro Alovisio, in rappresentanza dell’associazione.
Il Centro Studi di Informatica Giuridica di Ivrea Torino (CSIG) e l’Università degli Studi dell’Insubria, hanno progettato il corso di formazione “Prevenire e contrastare il cyberbullismo”.
Si tratta di una delle prime iniziative formative universitarie in Italia in materia di cyberbullismo, con una visione e un taglio interdisciplinare. L’attenzione non è solo alle vittime dei cyberbullismo, ma anche ai testimoni degli episodi di violenza online.
L’esigenza di un corso sul tema è emersa con l’aumento del disagio giovanile e la crescita degli episodi di cyberbullismo a seguito del lockdown nel contesto pandemico.
La progettazione del corso rivolto in primo luogo agli insegnanti, ma anche a giornalisti, medici, psicologi e professionisti vari, si è basata sul coinvolgimento degli operatori scolastici e sul confronto con esperti del settore (nazionali e locali) in materia di cyberbullismo.
Il progetto formativo, erogato online dal 13 novembre all’11 dicembre 2020, si è focalizzato anche sulle competenze digitali e sulle responsabilità di genitori, docenti, personale ATA e ragazzi, alla luce della legge nazionale 71 del 2017 in materia di cyberbullismo (una delle prime in Europa) e sulle Pari Opportunità ed educazione alle differenze.
Alla luce del successo dell’iniziativa, il 5 febbraio 2021, si è svolta una tavola rotonda di sensibilizzazione, in occasione della Giornata Nazionale di prevenzione del cyberbullismo.
A breve posteremo news su iniziative per la prossima giornata nazionale di prevenzione e contrasto al cyberbullismo del 7 febbraio 2022.
Di seguito il documento relativo ai vari progetti presentati

SIT CONGRESSO NAZIONALE LA TELEMEDICINA: PRESENTE E FUTURO

La nostra associazione CSIG (Centro Studi di informatica Giuridica) partecipa al Convegno Nazionale della Società Italiana di Telemedicina (SIT) nella giornata di venerdì 22 ottobre 2021 con due relatori:

dalle 9:35 alle 09:40 avv. Manuela Monti, socia Csig Ivrea Torino

  • Medical Devices Regulation (EU) 2017/745 (MDR) and Impact of Regulatory Changes on eHealth

dalle 18:00 alle 18:20 avv Mauro Alovisio, Presidente Csig Ivrea Torino

  • Data breach e telemedicina

Per consultare il programma e per procedere all’iscrizione gratuita:

https://www.sitelemed.it/congresso-nazionale-sit-2021/

l’intervento si terrà in SALA ROSSA

Commissione sull’intelligenza artificiale: selezionata socia della nostra Associazione

Segnaliamo con piacere che la nostra giovane socia avv. Vittoria Diotallevi, che ha moderato diversi nostri seminari,  è stata selezionata  nell’avviso pubblico per componenti della commissione Intelligenza artificiale del Consiglio dell’Ordine di Torino.
La selezione è avvenuta tramite cv e tramite specifico paper.
Il paper di Vittoria ad oggetto: “IA e diritto del lavoro. Tra tutela dei dati personali e dei diritti fondamentali: algoritmi discriminanti”,  nell’ottica della massima condivisione e dell’economia della conoscenza tipiche della nostra associazione sarà pubblicato qui sul nostro blog

AI, sviluppo, economia e sostenibilità.

Siamo lieti di comunicarvi che la nostra associazione Centro Studi di informatica Giuridica di Ivrea Torino ha partecipato all’organizzazione di uno dei più importanti eventi nazionali in materia di Intelligenza artificiale: ICT day mercoledì 22 settembre 2021 dalle ore 10:00: ad oggetto: “AI, sviluppo, economia e sostenibilità”

 

 

Potete consultare il programma e iscrivervi al  link sottostante, indicando la nostra associazione nel form

https://www.clubdi.org/it-day-2021

L’evento, a cura del Club di Dirigenti di Informatica di Torino, sarà trasmesso in streaming e ha il patrocinio della nostra associazione CSIG Ivrea-Torino.

Fra i relatori:

  • il prof. Francesco Pizzetti, già Presidente dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali
  • Raoul Chiesa esperto di cybersecurity di livello europeo e socio CSIG.

L’evento si articola nelle seguenti sessioni:

  • Il piano nazionale di resilienza e resistenza (PNRR) – Scenario Sviluppo e Territorio
  • Data economy e cybersecurity, Infrastrutture e Sviluppo Sostenibilità, Impatto sociale ed Etica